“la ricerca di antonella besia si articola attraverso diversi campi espressivi il cui filo conduttore è individuabile intorno al tema della memoria e dell’origine individuale; in quest’ambito sperimentale allargato s’inseriscono anche la fotografia e significative forme d’installazione. seguendo i processi di narrazione condotti soprattutto attraverso l’uso della pittura, l’artista è attenta a un rigore compositivo che acquisisce anche l’esperienza polimaterica condotta attraverso la sperimentazione tra i materiali di supporto al lavoro e in particolare, attraverso un particolare utilizzo della carta. le opere presentate in mostra, appartenenti alla serie frammenti, sono realizzate nella forma di dialogo e di sviluppo tra la dimensione lirica dei piani e l’inscrizione in essi del segno; le due distinte dimensioni simboliche sono relazionate in grado di ospitare una comunicazione narrativa introversa e proiettata sull’implosione delle emozioni.”

ida terraciano